in gondola a New York

A maggio è passato il Papa per Venezia: ho letto che dei gondolieri han litigato per poter avere il privilegio di portarlo in gondola. La cosa mi ha fatto sorridere parecchio, perché i gondolieri sono tra i peggio bestemmiatori che puoi trovare in calle in laguna – alzano la media di una popolazione che usa un linguaggio già piuttosto volgare e blasfemo.

Ecco, però la cocciutaggine e la stolidità dei gondolieri poi li può portare anche a fare una navigata nella baia di New York per commemorare le vittime dell’11 settembre:

«Così hanno deciso Vittorio Orio, Bepi Rossi “Suste”, Enzo Liska e Tino Fongher – tra i più noti gondolieri di Venezia -, amici di Daniel Nigro, comandante dei vigili del fuoco durante la tragedia dell’11 settembre a New York, e di Vincent Tummino, uno dei vigili del fuoco in servizio durante le operazioni di soccorso alle Torri Gemelle, oggi presidente dell’International Columbia Association di New York. È nata così, nelle telefonate intercorse tra le due città divise dall’Atlantico, l’idea dell’insolita commemorazione, supportata da Pasta Zara, che avrà un’appendice con la sfilata della gondola, il 10 ottobre, all’annuale parata del Columbus Day in Fifth Avenue.»

Comments are closed here.