una notte così

Appena tornato dal Flat (hanno rinnovato calendario, arredamenti, allestimento, sito: gran fighi). C’è stato un concerto di fisarmonica, molto bello, e poi un po’ di letture. Abbiamo conosciuto Franco Ventimiglia di Lettura e altri crimini, e ci è stato molto simpatico. Abbiamo poi letto la Posta del cuore del prossimo numero di inutile, quello che esce tra poche ore. E poi, visto che ero rimasto solo e qualcosa dovevo pur fare, mi son tolto un sassolino dalla scarpa e ho letto Una notte così, di Daniel Wallace, il racconto che ho chiesto e tradotto per inutile nel 2009.

Ecco, era uno dei miei sogni leggerlo di fronte a un pubblico. Finalmente ce l’ho fatta: un anno e mezzo dopo, ma ce l’ho fatta. Dicono anche che non sia andata male. Io ti riporto il testo del racconto, qui di seguito, perché è un racconto meraviglioso. Te lo riporto con gli errori di traduzione che ho fatto e che non son stati notati all’epoca della stampa, e che adesso mi fanno un po’ vergognare, ma chi se ne frega: è un racconto meraviglioso. E tornare a casa, e c’è nebbia che non vedi la fine della piazza, e camminare col sorriso: era un po’ che non mi succedeva.
Continue reading →