ho vent’anni e ho fondato una rivista

Ricordo che martedì 17, assieme agli amici di Follelfo, partecipiamo a questo incontro organizzato da GenerAzione. Si parlerà del perché si fanno le riviste, del come si fanno le riviste, di chi le legge, di tante cose. A Brescia, alla Libreria Rinascita, io ci farei un salto.

domenica 19 a Milano

Dalle 15 alle 16 c’è una bagarre di riviste durante lo slam letterario organizzato dall’Agenzia X (c/o Centro Cox18), e questa bagarre la modero io. Mi fan fare il Gianni Morandi della situazione: o il Marzullo, scegli te.

Con noi Follelfo, El Aleph, Ernest,, Trash hic (nati da poco: i migliori auguri!), Eleanore Rigby, noi di inutile. Insomma, c’è da esserci.

Per informazioni, anche questo post su MRT. Grazie a Matilde Quarti per essersi sbattuta per organizzare tutto.

BIRRA @ Forte Marghera

Non si scherza più. I buoni contro i cattivi: è la letteratura, bellezza, e tu non puoi farci niente.

Sabato 2 ottobre a Forte Marghera Eleanore Rigby, Follelfo, GenerAzione, Il Traghetto mangiamerda, inutile. opuscolo letterario vi mostreranno dove stanno le cose belle e dove stanno le schifezze, nella letteratura d’oggi. Accorrete numerosi. Letture, spettacolo, tanto divertimento e pure un pizzico di cultura.

Ernest, deve vincere un’altra battaglia: quella contro il raffreddore. Se ce la fanno, vengono a guerreggiare con noi.

Vi aspettiamo sabato 2 ottobre 2010, dalle 17 a Forte Marghera (Mestre). Qui tutte le indicazioni per arrivarci.

{Questo è un evento B.I.R.R.A., orgoglioso d’esserlo. L’avevamo scritto anche con un font che si chiama Birra, ma non ci stava bene.}

Follelfo e Sanguineti

Follelfo fa uscire un numero speciale e lo dedica interamente a un’intervista a Edoardo Sanguineti. Da non perdere.

Nel momento in cui rimembranze e celebrazioni fluviali riempivano le righe di ogni rivista e giornale, ci rendemmo conto di avere anche noi tra le mani un piccolo documento prezioso. Decidemmo, però, forse ingenuamente, che sarebbe stato un atto inopportuno, o meglio opportunistico, pubblicarlo in quei giorni caotici. Abbiamo scelto, quindi, di attendere che sfumasse l’eco delle commemorazioni e di proporvi solo ora questa conversazione. Motivi particolari non ce ne sono; è cordiale, piacevole, interessante e merita di essere letta più di molte altre cose.