pillole blu

By MS on 30 giugno 2010 — 1 min read

Quando sono andato a Torino, mio cugino mi ha consigliato un fumetto che s’intitola Pillole blu, di Frederik Peeters. Il caso ha voluto che lo trovassi in una bancarella dell’usato proprio vicino al mio albergo. Comprato al volo (anche perché costava la metà).

Peeters racconta la storia autobiografica del suo amore per Cati. La storia d’amore è particolare perché lei è sieropositiva (e ha contagiato il figlio di tre anni), ma è piena di vita e di voglia di viverla fino in fondo. Il libro attraversa le incertezze, i problemi, le paure di Frederik e Cati, la costruzione del loro amore – la cosa più difficile, dice lui, è vincere la pietà – e la costruzione dell’affetto col piccolo.

Non è una di quelle storie che mi ha fatto piangere come una fontana. Ma mi ha lasciato con una sensazione mista: una grande commozione, e un senso di appartenenza al genere umano, un senso di appartenenza fatto di tante sconfitte, di tante piccole vittorie, e di quelle poche persone che hanno davvero voglia di giocarsela tutta, fino in fondo. Lo so, sono scemo.

Posted in: Uncategorized