Very quickly, from London

By MS on 27 giugno 2010 — 1 min read

Rivedere Londra dopo dodici anni non è robetta da poco. Il nostro albergo ricorda un motel americano, e se la Dolcissima si affaccia alla finestra, la nostra stanza assomiglia a un quadro di Hopper. Però il quartiere in cui sta l’albergo (Finchley, metropolitana più vicina: East Finchley, a un paio di miglia di distanza) è carino, tipica suburbia britannica. Il Millennium Bridge mi ha fatto un po’ cagare sotto dalle vertigini. Il Tate modern che gli sta davanti è pieno di cose fantastiche, e che lo dica io che di solito odio chiudermi nei musei la dice lunga. Poi ha il wifi libero. Soho è molto carino e scoppiettante. Avremmo voluto vedere «We Will Rock You», ma non ce la facciamo. Mi sono innamorato di Starbucks, e spero che ne aprano uno a Venezia.

Domani giro per Oxford Street, Regent Street (sta lì l’Apple store, no?), Trafalgar Square. Se ce la facciamo anche la National gallery. ‘sta cosa che i musei son gratuiti è fantastica. Poi si vede. Stiamo mangiando malino, ma se posso: il rapporto qualità/prezzo di Wheterspoon non è niente male.

Posted in: Uncategorized