poesia batterica

By MS on 9 maggio 2011 — 1 min read

“It’s a very short poem; a very masculine assertion about the aesthetic creation of life. The organism reads the poem, and writes in response a very melancholy, feminine – almost surreal – poem about the aesthetic of the loss of life. They’re in dialogue with each other.”

Il poeta britannico Christian Bök ha “tradotto” in codice genetico una sua poesia e l’ha iniettato in un batterio. Il nome del batterio è commovente: “Deinococcus radiodurans”. Il batterio recepisce il DNA estraneo e risponde. Giuro che l’ho letta davvero, qui.

Posted in: Uncategorized