Per quel che vale, anche il suo titolare.

Racconto un episodio vissuto dalla Dolcissima domenica, alla stazione di Mestre.

Stava per ripartire per Milano e si è fermata dal bigliettaio a chiedere informazioni per i biglietti a costo ridotto per chi torna nel proprio comune di residenza per le varie votazioni. Giornata afosa anche se non c’era il sole, un po’ di gente in stazione, tanti turisti.

«Salve, mi scusi: volevo sapere come funziona per i referendum.»
«È molto facile» dice il bigliettaio. Prende un foglietto di carta e una penna, inizia a scrivere: «Sì. Sì. Sì. Sì.» Porge il foglio alla Dolcissima. «Funziona che devi votare così.»