un atto devoto

By MS on 24 settembre 2017 — 1 min read

Sessantadue cattolici molto conservatori hanno accusato Papa Francesco di eresia. A me questo papa sta molto più simpatico di Giovanni Paolo II, che è un po’ un eroe pop dei nostri tempi: ma non dimentico che rimane un papa, cioè il rappresentante di una cosa che per me rasenta la fantascienza (nella sua attuazione: per quanto possa capire benissimo la necessità della resa mistica dell’essere umano). Ma accusarlo di eresia per certe sue aperture verso gay e divorziati, dai.

La cosa che mi ha colpito di più è questa frase di Ettore Gotti Tedeschi, ex presidente dello IOR:

[…] io non accuso il Papa, io gli voglio bene. Io sono per la Chiesa e per il Papa e non mi distaccherò mai né dalla Chiesa né dal Papa. Il documento è un atto devoto, un invito alla riflessione.

Gotti Tedeschi ha firmato una lettera in cui si accusa il Papa di eresia, ma secondo lui non lo sta accusando. Il cervello di Orwell sarebbe esploso.

Posted in: link